PGSFR – “The Argonne Legacy “

Qualche settimana fa avevamo pubblicato un post riguardo l’intraprendenza della Corea del Sud in campo nucleare (per la precisione qui).

E’ notizia di pochi giorni fa di un accordo fra USA e SudCorea che permetterà a quest’ultima di riprocessare il combustibile esausto dei propri reattori (che non sono pochi… ben 24). Un altro aspetto interessante del nuovo accordo è l’accesso dei coreani ad una serie di tecnologie nucleari che sono state sviluppate negli USA. Fra queste di particolare rilievo sono le metodologie di trattamento pirometallurgico dei combustibili nucleari in forma metallica.
Queste tecnologie erano state sviluppate negli anni 80-90 in particolare nel laboratorio di Argonne  in parallelo con lo sviluppo di EBR-IIIFR, dei reattore veloci raffreddati a sodio. Per chi volesse approfondire questo glorioso capitolo della tecnologia nucleare, consiglio questo libro: Plentiful Energy

In sintesi questi studi hanno permesso di sviluppare un progetto di reattore veloce accoppiato ad un innovativo metodo di ritrattamento del combustibile, interessante in particolare per le sue caratteristiche anti-proliferazione. Il progetto più recente scaturito da questi studi è il S-PRISM.
E grazie a questo accordo, la Corea del Sud inizierà uno sviluppo congiunto con Argonne Labs per sviluppare  il PGSFR (Prototype Generation-IV Sodium-cooled Fast Reactor), un reattore della quarta generazione, che potrebbe essere l’evoluzione ed il complemento dell’attuale flotta di LWR coreani (sotto una raffigurazione, tratta dal sito dei laboratori di Argonne).

PGSFR

Advertisements
This entry was posted in 4TH GENERATION, BURNER, FAST REACTOR and tagged . Bookmark the permalink.

One Response to PGSFR – “The Argonne Legacy “

  1. Pingback: Piccolo ma Veloce | NUCLEAR PIONEERS

Comments are closed.