Small Reactors – Big Companies

Abbiamo parlato molte volte degli SMR (Small-Medium o Small Modular Reactors), un’architettura che sta guadagnando consensi nei progetti dei futuri reattori. Inoltre recentemente gli USA hanno concesso finanziamenti pubblici per incentivare questo tipo di soluzione (sia a livello di ricerca che di incentivi: pochi giorni fa questa direttiva).

Sebbene parecchi di questi progetti siano portati avanti da piccole aziende o addirittura start-up, anche i giganti si stanno muovendo in questo campo. Fra le compagnie più rappresentative la storica Westinghouse Electric (… di proprietà Toshiba dal 2006), che aveva proposto un SMR riciclando alcune tecnologie del suo AP-1000, un reattore di Generation 3+, del quale sono in costruzione otto esemplari nel mondo (Cina e USA).

Il progetto Westinghouse (qui la pagina ufficiale) era stato in realtà “congelato” dalla compagnia qualche anno fa, a causa dello stallo nei nuovi ordini e da una incertezza nelle intenzioni del governo USA e dell’agenzia NRC nei riguardi dei nuovi progetti. Tuttavia pochi giorni fa la stessa NRC (dopo tre anni…) ha dato l’approvazione ai test proposti dal costruttore per verificare la sicurezza del reattore in caso di LOCA. Sebbene non sia la certificazione definitiva è un segnale importante della validità del progetto, come sottolineato dal costruttore stesso.

Il progetto Westinghouse è un PWR integrale da 225 MWe, con alcune soluzioni per il raffreddamento passivo, in caso di emergenza, realizzate per il fratello maggiore AP-1000. Il focus del progetto (come si evince dalla descrizione sul sito del costruttore) è un sistema compatto, economico e con necessità di manutenzione ridotta. La definizione “PWR integrale” fa riferimento all’integrazione nel vessel di sistemi che nei progetti PWR convenzionali sono all’esterno del vessel: pressurizzatore e generatori di vapore. Alcuni vantaggi sono:

  • eliminazione delle maggiori penetrazioni nel vessel: i grandi tubi che portano il refrigerante nel vessel non sono più necessari (minimizzazione del rischio LOCA)
  • più efficace circolazione naturale (alcuni progetti SME possono addirittura evitare l’uso di pompe: non è il caso del progetto Westinghouse ma ad esempio di NuScale)

Sotto una figura tratta da questo evento IAEA:

WESTINGHOUSE_SMR

Per una eccellente e aggiornata disamina dei progetti SMR si può fare riferimento a questo documento dell’italiana RSE:

Panoramica sui progetti Small Modular Reactor in
corso a livello internazionale

Advertisements
This entry was posted in NEWS, SMR and tagged . Bookmark the permalink.